Frittura no problem

Che sia pesce, patate, pollo o verdura alla frittura proprio non resisto. Ma prepararla croccante e asciutta non è affatto semplice. Sul sito http://www.frittomistoallitaliana.it/ricettario/FM2014_Ricettario.pdf ho trovato un ricettario gratuito con le regole da seguire per un buon risultato. La temperatura giusta: tra i 170 e 180 gradi, a meno che non si tratti di dolci o di pezzi piuttosto grandi (pollo, coniglio e pesci di grande taglia) quando è preferibile scendere a 160. I cibi ricchi di amido come le patate si possono friggere da soli. Agli altri serve la pastella. Se per il tempura giapponese si usa farina e acqua ghiacciata, il fish & chips britannico vuole uova e birra, farina e uova si usano invece per le olive ascolane.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...