Frutta in fermento

Girovagando per i padiglioni di Expo, ho visto tanti barattoli di frutta fermentata e mi sono chiesta come si prepara. In realtà il procedimento è molto semplice: basta mettere la frutta in un barattolo con acqua e zucchero e aggiungere lievito chimico in polvere. Lo zucchero si trasformerà in alcol e si produrrà anidride carbonica. E’ una delle tecniche di conservazione più antiche al mondo.

I frutti ideali per questo procedimento sono pesche, albicocche, pere e ciliegie private del nocciolo. Bene le mele, anche se diventano scure. L’uva va bucata per far entrare il liquido. Via libera alla frutta esotica e ai frutti rossi, ma è meglio evitare le more perché contengono troppi semi.

Per dare sapore si possono aggiungere spezie: cannella, menta, chiodi di garofano, vaniglia, pepe. Ma non in polvere, se no si attaccano alle pareti del barattolo.

Durante la fermentazione (dai 2 ai 10 giorni) il barattolo deve stare a temperatura ambiente e al buio: evitare dunque di prepararla se fa molto caldo. E il coperchio deve essere ben chiuso.

Si può usare per preparare salse, torte, aromatizzare bevande o altri piatti.

Se alla fine risulta troppo morbida o emana cattivo odore, meglio buttarla e riprovare.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...