Panini buoni e salutari

Quando si è di fretta, si arriva a casa tardi o semplicemente si fa un picnic  al mare o in montagna, il panino è sempre la soluzione più comoda. Per renderlo un piatto equilibrato è importante tenere presente qualche regola:

  1. aggiungere verdura.
  2. variare le proteine, soprattutto se si mangia più volte alla settimana.
  3. insaporire con le spezie: più sane e magre delle salsine, tanto diffuse in America.
  4. preferire i panini a base di cereali integrali (o comunque evitare il grano tenero, troppo ricco di glutine).

Ecco una ricetta esempio:

Panino al salmone con erbe aromatiche, pomodoro e yogurt

Ingredienti: panino di segale, un etto di filetto di salmone, mezzo pomodoro cuore di bue, mezzo cetriolo, insalata riccia a piacere, timo, origano, maggiorana (quanto basta), un cucchiaio di yogurt greco, mezzo limone.

Preparazione: lessare in padella o arrostire al forno il salmone con le spezie e il succo di limone. Tagliare il cetriolo e il pomodoro, mescolarli con lo yogurt. Tagliare il panino e farcirlo con insalata riccia, fette di pomodoro e cetriolo.

Buon Appetito!

®RIPRODUZIONE RISERVATA

Ravioli sempre pronti

Durante il fine settimana, soprattutto se è lungo, è divertente preparare la pasta all’uovo fatta in casa: un’idea per mangiare qualcosa di genuino senza perdere troppo quando si va al lavoro. Per conservare la pasta fresca, e quella ripiena in particolare, può essere utile il congelatore.

Ma attenzione:

  1. per fare in modo che i pezzi di pasta non si attacchino tra loro meglio lasciare  asciugare all’aria aperta e poi suddividere le porzioni già stabilite in sacchettini antigelo.
  2. se si ha molto spazio in frigorifero si possono surgelare anche in piano su vassoi e dividerli in porzione in un secondo momento.
  3. valgono anche per la pasta le regole elementari dei surgelati: mai interrompere la catena del freddo e scongelare per tempo prima di consumarli.

®RIPRODUZIONE RISERVATA

La panna acida è subito pronta!

Per condire la pasta al salmone, per preparare la cheesecake oppure per accompagnare l’arrosto, il pinzimonio o gli stuzzichini la panna acida è una valida soluzione.

Per farla in poco tempo si può provare questa semplice ricetta:

  1. Aggiungere a mezzo litro di panna fresca 100 g di mascarpone. Unire alcune gocce di limone (circa un cucchiaio).
  2. Mescolare bene e lasciare al coperto a temperatura ambiente per circa 24 ore: a questo punto panna acida sarà pronta per l’uso.

®RIPRODUZIONE RISERVATA

Cocktail alla frutta

Quando le temperature si alzano per rinfrescarsi o per l’aperitivo, i cocktail alla frutta possono essere un’ottima soluzione. Quelli alcolici hanno solitamente come base il prosecco, quelli analcolici l’acqua frizzante (che può essere aromatizzata con vari ingredienti dall’angostura al caffè) e il ghiaccio.

Per prepararlo l’ideale è il frullatore (per sminuzzare tutti gli ingredienti) e poi lo shaker (da agitare finché non diventa freddo) per mescolarli tra loro.

Per decorare via libera alle spezie (menta, cannella e zenzero), fettine di limone, frutta o scaglie di cioccolato.

Ecco un’idea da provare: mettere in un frullatore mezza mela Golden Deliciuos, un fetta piccola di Papaya, tre frutti della passione e il succo di mezzo lime. Aggiungere 3 o 4 cubetti di ghiaccio e frullare. Svuotare una mela Golden Delicious oppure una Red Delicious e riempirla con il cocktail.

®RIPRODUZIONE RISERVATA

Pesto … ai Broccoli!

Mi piace provare a ri-ulitizzare gli scarti della verdura per preparare ricette insolite. E’ un’idea da sfruttare quando il frigorifero è quasi vuoto oppure quando si vuole improvvisare un primo.

Un esempio è il pesto ai broccoli. Per prepararlo bastano circa 150 grammi di scarti di broccolo lessati in acqua bollente per una decina di minuti o cotti al vapore: devono rimanere croccanti.

Basta poi passarli al mixer con 80 grammi di nocciole (al posto dei tradizionali pinoli), 50 grammi di Parmigiano-Reggiano, uno spicchio d’aglio e olio extravergine di oliva. E conservare in frigorifero.

Si può provare lo stesso procedimento anche con altre verdure, come per esempio i carciofi (i loro gambi hanno molte virtù depurative).

®RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Farina: Istruzioni per l’uso

Setacciare la farina prima dell’uso è importante, sia per preparare lievitati che  le altre lavorazioni. Oltre a scongiurare il rischio di grumi, infatti, l’aria che si incorpora con questo procedimento contribuisce a rendere più leggera la consistenza dell’impasto una volta cotto.

Basta mettere la farina in un setaccio sopra una ciotola: più alto si tiene il setaccio, più aria si incorpora nel composto. Se ci sono altri ingredienti secchi, come il cacao, si possono setacciare con la farina.

Le farine integrali non vanno mai setacciate, altrimenti si elimina gran parte dei loro componenti. Per fare in mondo che incorporino aria bisogna mescolare vigorosamente con una forchetta prima aggiungere il resto degli ingredienti.

La farina setacciata occupa più spazio: se avanza rispetto a quanto richiesto dalla ricetta, rimetterla nella busta.

®RIPRODUZIONE RISERVATA

Torte salate mon amour

Con l’arrivo della bella stagione mi diverto tantissimo a preparare le torte salate. Con verdura, formaggio, carne o uova si possono creare mix sempre diversi e adatti a tutti i gusti.

Ecco alcune regole da seguire:

  1. L’impasto. Per preparare la sfoglia deve essere molto friabile. Perciò impastare farina e materia grassa (burro, olio o strutto) e poi aggiungere tutti gli altri ingredienti. E lavorare la pasta il minimo indispensabile.
  2. Per ottenere una sfoglia non umida e ripieni ben cotti si può usare un trucco molto diffuso in Inghilterra (dove le torte salate ripiene di carne sono un must): il pie bird, un piccolo camino in ceramica da cui far fuoriuscire il vapore durante la cottura. In mancanza di questo si può preparare un camino con carta da forno o alluminio per alimenti da apporre nei fori sulla superficie della pasta.
  3. Gli stampi. Quelli in ceramica sono i più belli e si possono portare direttamente in tavola senza trasferire la torta in un piatto da portata. Ma la ceramica non è un buon conduttore. Per cuocere bene mettere nel forno appena acceso una teglia d’acciaio piatta e quando il forno è caldo appoggiare sopra alla teglia lo stampo in ceramica.
  4. Se la torta è a base di verdura ortaggi, passarli in padella prima di metterli dentro. Negli altri casi se si ha un ripieno umido spolverare il fondo della pasta con fecola o semola: impermeabilizza e permette ai liquidi di legarsi all’impasto formando una crema.

®RIPRODUZIONE RISERVATA