Trucchi per i pancake

pancake-824610_640

Che buoni i pancakes con la frutta! Soprattutto d’estate. Ecco come prepararli senza brutte sorprese.

1. Ingredienti: 200 g. Farina autolievitante, 50 g. Zucchero, 350 g. Latte, 2 uova, un cucchiaino di succo di limone, un pizzico di sale.

2.Per renderli soffici: separare i tuorli, montare gli albumi e unirli al latte. Sciogliere il burro e appena tiepido aggiungere i tuorli a poco a poco per evitare che coagulino. Preparare il latticello: aggiungere al latte il succo di limone e lasciar riposare 10-20 minuti. Versare il tutto nel latte e poi nella farina con il sale e lo zucchero.

3. Per avere una buona consistenza: mesolare l’impasto ottenuto per massimo 10 secondi senza eliminare i grumi. Far riposare per 30 minuti.

4. Per una buona cottura: usare una crepiera, bistecchiera, padella per piadine o comunque da scaldare sul fuoco. Per sapere se la temperatura è giusta buttare qualche goccia d’acqua. Se sfrigola è pronta, se evapora è troppo calda.

5. Per evitare che si rompano. Verare un mestolino con poco impasto per volta e cuocere 10 -15 secondi per lato.

6. Per guarnire: sciroppo d’acero, miele, marmellata o creme e frutta a piacere.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Decorazioni di vetro

A un pranzo di lavoro alcuni giorni fa ho assaggiato un dolce particolare: una coppa fatta di palline trasparenti ripiene di crema.

Per farle si usa l’isomalto. Uno zucchero simile ai monosaccaridi che si trova nei negozi per pasticceria.

Ecco come si usa:

  1. Sciogliere a 180 gradi in un pentolino a doppio fondo di metallo. 10 grammi a persona.
  2. Lasciar raffreddare per 4-5 minuti. Aggiungere poi eventualmente colorante in gel.
  3. Lavorarlo con guanti di lattice (se troppo caldo usarne anche due paia)  metterlo in stampini di metallo o silicone per alte temperature. Riempire eventualmente di mousse leggere, creme o fiori edibili.
  4. Si conserva per una settimana. Ha meno calorie dello zucchero normale, ma non eccedere i 25 grammi al giorno.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Aceto fatto in casa

eat-473384_640

Sulle insalate, gli spiedini di pesce o di carne, e anche sulla frutta. L’aceto nelle sue diverse varianti è ormai diventato un must. Soprattutto in estate.

Ecco come prepararlo a casa:

  1. Riempire per 3/4 una damigiana piccola.
  2. Ogni 6-7 giorni eliminare un po’ di contenuto e rabboccarlo di vino.
  3. Aggiungere alimenti zuccherini per abbreviare la fermentazione come pasta secca (qualche maccherone o una manciata di spaghetti crudi).
  4. Come abbinarlo: di vino (insalata e verdure), di mele (per preparare salse), balsamico (frutta, parmigiano, pesce), di riso (gamberi e frutti di mare), di malto (patatine fritte), glasse (sushi, carni e pesce alla griglia).

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Peperoncino per tutti i palati

In estate fa molto bene, perché rende il caldo più sopportabile, migliora infatti la circolazione sanguigna. E’ il peperoncino, una spezia che insaporisce i piatti e previene molte malattie (infiammazioni, colesterolo e cattiva digestione). Non tutti però lo sopportano. Ecco qualche dritta su come usarlo.

  1. Se si usa quello fresco inciderlo nel senso della lunghezza ed eliminare filamenti e semi all’interno: la concentrazione maggiore di capsaicina (la sostanza che lo rende tanto piccante) è infatti nei filamenti.
  2. Per eliminare il fastidio alla bocca non bere acqua: diffonde la sensazione di bruciore. La capsaicina è solubile in grassi e alcol, perciò il modo migliore per contrastarne l’effetto è bere vino e mangiare un pezzetto di parmigiano oppure latte, yogurt o pane all’olio.
  3. Si può usare fresco sminuzzato oppure secco sbriciolato. Ma aggiungerlo sempre alla fine della preparazione per mantenerne il gusto, che altrimenti si perde con la cottura.
  4. E’ ideale con carni, pasta, legumi, ma anche con i dolci e il cioccolato fondente (a partire dal 70 per cento in particolare).

®RIPRODUZIONE RISERVATA

Il gelato è servito!

Quando le temperature si alzano viene voglia di mangiare qualcosa di fresco. Ecco alcuni consigli per un gelato a regola d’arte:

  1. Per un gelato cremoso unire il 60-65 per cento di acqua, il 15-20 di zucchero, il il 5-10 di grassi. Per esempio per una base di fior di latte servono 1 litro di latte, due decilitri di panna, 250 grammi di zucchero, 50 di destrosio e 50 di latte magro in polvere. A questa base si possono poi aggiungere altri ingredienti a piacere per modificare il gusto.
  2. In alternativa alla gelatiera: mettere il composto pronto in stampi di silicone per muffin e poi congelare nel freezer. Una volta pronti estrarli e metterli in sacchetti per congelare e lasciarli in freezer finché non c’è bisogno. Quando si vogliono mangiare basta metterli nel mixer alla massima velocità: il gelato sarà morbido e cremoso come preparato con la gelatiera.
  3. Per conservare il gelato per più tempo è bene pastorizzare il composto, mantenendo la miscela a 65° per 30 minuti.: questo procedimento permette di limitare la formazione di cristalli di ghiaccio durante il raffreddamento (sia con la gelatiera che con il mixer).
  4. Una volta messo in freezer tenere sempre il gelato coperto: si evita che assorba cattivi odori circostanti e che si formino cristalli di ghiaccio.

®RIPRODUZIONE RISERVATA