Più sapore al caffè nella moka!

In alternativa al solito caffè anche nella caffettiera si può provare quello aromatizzato. Le combinazioni sono diverse, da scegliere in base al gusto personale.

Ecco come si fa:

  1. Ingredienti: caffè macinato per moka, spezie in polvere (cannella, cacao, peperoncino, cardamomo, ginseng in polvere, zenzero in polvere) oppure estratti (vaniglia, frutta, anice), creme (alla nocciola, al latte, all’uovo,panna), liquori (liquirizia, limoncello, nocciolino).
  2. Spezie: versare il caffè nella moka e aggiungere un cucchiaino della spezia in polvere scelta, chiudere la caffettiera: la bevanda uscirà già pronta. Lavare bene la caffettiera per evitare che il metallo assorba gli aromi.
  3. Estratti: preparare il caffè. Appena esce aggiungere poche gocce di estratto nella tazzina.
  4. Creme e liquori: aggiungere in tazzina mezzo cucchiano di crema o un cucchiaino di liquore.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Un spolverata di…noce moscata

nutmeg-2427844_1280.jpg

È nota per insaporire il purè di patate, ma la noce moscata può dare sapore anche a tante altre ricette, dolci e salate.

Ecco come usarla:

  1. Quando metterla: va grattugiata sul cibo a fine cottura oppure, se la preparazione è cruda, poco prima di servire. Così il suo aroma non si disperde.
  2. Sul cavolo: aggiungere durante la cottura di cavoli, cavoletti, broccoli e verza aiuta a mascherare il sapore di zolfo.
  3. Sulle zuppe: nel brodo è meglio evitarla perché l’olio essenziale tende a dispendersi. Meglio usarla su vellutate e a base di legumi o patate: l’amido trattiene l’aroma.
  4. Carne e stufati: aggiungere a fine cottura.
  5. Su gelati, cioccolata e frullati: spolverare prima di servire. In alternativa si può preparare uno sciroppo con ½ tazza di acqua, ½ di zucchero, ¼ di rum oppure di latte di cocco e 4 cucchiaini di noce moscata. Mettere acqua e zucchero in un pentolino finché lo zucchero non si è completamente sciolto. Aggiungere il rum o il latte di cocco e la noce moscata e lasciare bollire per 10 minuti. Finché non si addensa leggermente. Distribuire sul dessert prima di servire.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Un rametto di rosmarino

cutting-board-2154435_1280.png

Il suo aroma è inconfondibile. E si può usare sia in cotture veloci che per preparare ricette laboriose. Il rosmarino ha un sapore a metà tra la menta e il pepe.

Ecco come usarlo in cucina:

  1. Con la carne: si può usare per preparare arrosto, pollo, brasati e stufati. I rametti vanno inseriti nella carne e tolti prima di servire.
  2. Nel pesce: mettere nella pancia dei pesci grossi prima di cuocerli al forno, oppure sopra i filetti durante la cottura in padella.
  3. Pane e pasta: si abbina bene con i prodotti ricchi di amido, come focacce, pane, ravioli ripieni. Basta aggiungerlo prima della cottura.
  4. Sul barbecue: lasciare qualche rametto di rosmarino sulla brace verso la fine della cottura e così il fumo profumerà leggermente il cibo.
  5. Con la frutta: aggiungere rametti di rosmarino alla frutta prima di cuocerla in forno, oppure tritarlo sulla macedonia insieme a succo di limone.
  6. In olio e aceto: mettere un rametto di rosmarino in infusione con olio o aceto per almeno 24 ore e poi usare per condire.

©RIPRODUZIONE RISERVATA