Che buona la Pakora!

Il fritto all’italiana mi è sempre piaciuto. Verdure avvolte da una pastella croccante, ideali per un antipasto o da usare come contorno. Perciò quando ho conosciuto questa ricetta indiana, ho voluto subito provarla. E il successo è stato grande! È adatta inftti anche a chi è intollerante al glutine, oltre che, ovviamente, ai vegetariani.

Ecco come fare:

1. Ingredienti: una patata, una carota, una cipolla rossa, un cavolfiore, 250 g. di farina di ceci e 50 di farina di riso, un pizzico di lievito in polvere, un peperoncino fresco, coriandolo tritato, curry, acqua frizzante, olio di semi.

2. Preparazione: tagliare le verdure a fettine e cuocerle per 5 minuti in acqua bollente salata. Preparare la cipolla ad anelli. Setacciare le farine e aggiungere lievito, peperoncino, coriandolo e curry, il sale e diluire in acqua frizzante fredda. Mescolare con una frusta fino a ottenere una pastella. Scaldare l’olio di semi in una padella e immergere le verdure. Sgocciolare con un mestolo forato e raffreddare su carta assorbente.

3. Prima di servire: mettere in un piattino accompagnata da un cucchiaio di purea di frutti esotici (mango, papaya o ananas frullati), oppure da un cucchiaio di yogurt greco mescolato con erba cipollina, oppure da yogurt intero diluito in acqua e aromatizzato alla curcuma. Si può anche accompagnare da riso bollito in bianco e usare come piatto unico.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Strudel o torta salata? C’è la pasta matta

strudel-1532893_1280.jpg

È una base priva di lievito e molto sottile. E si usa per preparare torte ripiene dolci e salate, come lo strudel, e la famosa focaccia di Recco. Il pregio? si prepara con pochi ingredienti e in poco tempo.

Ecco come si fa:

  1. Ingredienti: 300 g. di farina 00, olio extravergine di oliva, acqua frizzante. 15 g. di aceto di vino bianco, sale.
  2. Preparazione: versare la farina setacciata in una ciotola, aggiungere sale, aceto, acqua e impastare fino a ottenere un composto omogeneo. Versare poi l’olio a filo, trasferire il composto su un piano di lavoro e impastare fino a ottenere un panetto omogeneo. Lasciare riposare per 40 minuti a temperatura ambiente.
  3. Conservazione: si può utilizzare anche dopo uno o due giorni. Basta conservarla in frigorifero avvolta nella pellicola trasparente.
  4. Con farina alternativa: si può fare integrale, sostituendo la farina 00 con quella integrale e biologica. Le dosi degli altri ingredienti rimangono invariate.

©RIPRODUZIONE RISERVATA