Cottura al cartoccio: così è più buona!

È una tecnica semplice che permette di preparare carne, pesce, pasta e verdure in modo sano e veloce. Perché le preparazioni rimangono morbide e succose. Ma per riuscire bene servono alcuni accorgimenti.

Ecco come fare:

1. Scegliere il sacchetto: se si cucina in forno l’ideale è la carta da forno, per la griglia è meglio l’alluminio perché permette di isolare meglio gli alimenti. Per chi vuole fare più in fretta c’è la carta fata che è in sacchetti già pronti. Il sottovuoto è un’alternativa che oggi permettono molti forni in commercio: sotto il forno c’è un cassetto che permette di cuocere a vapore mentre il forno è in funzione.

2. Gli alimenti: tenere presente che questa tecnica lascia gli alimenti molto umidi. In caso di verdura o formaggi acquosi (come la mozzarella) asciugarli bene prima di cuocerli. Gli alimenti che vanno cotti prima, come la pasta, vanno scolati in anticipo, perché in forno continuano la cottura. Se si usano filetti di carne o pesce il tempo di cottura è di 10-15 minuti a 200°, ma se i pesci sono interi si arriva fino a un’ora.

3. Come avvolgere: preferire sempre un doppio strato di carta. Così si evitano forature e uscite accidentali di liquido.

4. La chiusura: per sigillare bene cartocci grandi, spalmare i bordi con una colla fatta di farina e acqua mescolate bene. Poi arrotolare i bordi. Oppure usare stecchini lunghi. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Quante ricette con la pentola a pressione!

berries-2441679_1280

La prima volta che ho partecipato a un corso di cucina con la pentola a pressione, sono rimasta impressionata. Non sapevo che fosse utile per così tante ricette. E poi è anche molto rapida: utilissima, quando si ha poco tempo.

Ecco qualche idea:

  1. Torta al cioccolato: rispetto alla cottura tradizionale, permette di ridurre i tempi di 2/3. Il sapore del dolce poi è più intenso e la consistenza più morbida. Preparare l’impasto con 250 g. di farina 00, 2 uova intere e un tuorlo, 60 g. di amaretti sbriciolati, 20 g. di cannella, 30 g. di uvetta, 20 di mandorle spellate, 10 g. di cacao amaro e 50 di cioccolato fondente. Lavorare con una spatola. Imburrare lo scodello della pentola a pressione, versare il composto e chiudere con il coperchio. Mettere nella pentola 750 ml di acqua e chiudere. Cuocere sul fuoco e appena esce il vapore, abbassare la fiamma e lasciare in cottura per 25 minuti. Quindi spegnere, sfogare il vapore e raffreddare prima si sformare la torta.
  2. Budino: riduce tempo di cottura e si addensa più rapidamente. Mescolare 50 g. di cacao amaro (o altro ingrediente a piacere), 80 di zucchero e 3 dl di latte, incorporare due uova e un tuorlo per dare più stabilità al composto. Continuare a mescolare finché spariscono i grumi. Imburrare lo scodello, oppure uno stampo da budino o una pentola avvolti in un foglio di carta di alluminio, mettere all’interno il composto. Poi versare un bicchiere d’acqua nella pentola a pressione e immergere il recipiente avvolto nella carta di alluminio. Dopo 13 minuti di cottura dal fischio, aprire la pentola, togliere lo stampo e lasciare raffreddare.
  3. Legumi: in questo modo diminuisce l’uso del sale e la cottura è omogenea. Tritare finemente mezza cipolla e uno spicchio d’aglio versare nella pentola a pressione con un filo d’olio e lasciare soffriggere. Eliminare l’aglio quando è dorato, versare un litro d’acqua, una foglia di alloro e un dado. Aggiungere 250 g. di lenticchie, mescolare e chiudere la pentola. Cuocere a fiamma vivace. Quando inizia a sibilare abbassare la fiamma al minimo e cuocere per 20 minuti. Far uscire il vapore e mescolare per far assorbire il liquido, lasciare sul fuoco per altri 5 minuti a fiamma alta e senza coperchio. Servire.

©RIPRODUZIONE RISERVATA