Salsicce, hamburger e polpette vegetariane

 

 

Non solo carne. Oggi si possono preparare piatti a base di verdure che assomigliano come forma a ricette in cui la carne trita è sempre stata l’unica protagonista. Mi piace sbizzarrirmi con gli ingredienti più diversi e stupire i miei ospiti vegetariani.

Ecco come fare:

  1. Scegliere un addensante: per amalgamare bene spezie e verdure, che sono gli ingredienti principali di queste ricette, è bene scegliere il prodotto che ci è più comodo. Si può spaziare tra farina di riso, amido di mais, farina di mais, pan grattato di pane bianco prodotto con farina 00 (la massa glutinica, assicura un risultato migliore), farina di legumi (piselli, ceci).
  2. Scegliere le verdure: pomodori secchi, cipolle, legumi bolliti (ceci, piselli, cicerchie, fagioli) e ridotti in purea con il mixer, purea di patata, purea di funghi.
  3. Scegliere le spezie, la frutta secca, i semi: si possono mescolare per dare più sapore frutta secca (pistacchi, nocciole, anacardi), passati nel mixer. Le spezie come pepe nero, origano, menta. Ma anche semi come quelli di zucca e di lino.
  4. Preparazione: mescolare tutti gli ingredienti passati nel mixer con olio extravergine di oliva. Arrotolare l’impasto in una garza sottile da cucina e chiudere con spago. Cuocere poi nel brodo vegetale per una mezz’ora abbondante.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Che buona la Pakora!

Il fritto all’italiana mi è sempre piaciuto. Verdure avvolte da una pastella croccante, ideali per un antipasto o da usare come contorno. Perciò quando ho conosciuto questa ricetta indiana, ho voluto subito provarla. E il successo è stato grande! È adatta inftti anche a chi è intollerante al glutine, oltre che, ovviamente, ai vegetariani.

Ecco come fare:

1. Ingredienti: una patata, una carota, una cipolla rossa, un cavolfiore, 250 g. di farina di ceci e 50 di farina di riso, un pizzico di lievito in polvere, un peperoncino fresco, coriandolo tritato, curry, acqua frizzante, olio di semi.

2. Preparazione: tagliare le verdure a fettine e cuocerle per 5 minuti in acqua bollente salata. Preparare la cipolla ad anelli. Setacciare le farine e aggiungere lievito, peperoncino, coriandolo e curry, il sale e diluire in acqua frizzante fredda. Mescolare con una frusta fino a ottenere una pastella. Scaldare l’olio di semi in una padella e immergere le verdure. Sgocciolare con un mestolo forato e raffreddare su carta assorbente.

3. Prima di servire: mettere in un piattino accompagnata da un cucchiaio di purea di frutti esotici (mango, papaya o ananas frullati), oppure da un cucchiaio di yogurt greco mescolato con erba cipollina, oppure da yogurt intero diluito in acqua e aromatizzato alla curcuma. Si può anche accompagnare da riso bollito in bianco e usare come piatto unico.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Che buono l’Hummus colorato!

hummus-4034050_1280

Alla base c’è sempre la farina di ceci. Ma ingredienti diversi permettono di usare questa ricetta, tradizionalmente abbinata al pane, con altri piatti.

Ecco qualche idea:

  1. Da servire con la carne: schiacciare 300 g. di ceci lessati e spellati, insaporire con zafferano in polvere, foglie di timo e rosmarino tritate. Unire nel mixer pinoli schiacciati e un cucchiaio di yogurt bianco intero, aggiungere poi un cucchiaio di olio extravergine di oliva. Si abbina a roastbeef, cacciagione, arrosti o fonduta.
  2. Da abbinare al formaggio: schiacciare 150g. di ceci lessati e spellati, aggiungere 150 g. di barbabietola, già cotta in forno. Passare nel mixer con un cipollotto tritato e un cucchiaio di yogurt, e aromatizzare con 1 cucchiaio di paprika e una manciata di pepe nero. Si accompagna a formaggi stagionati o erborinati.
  3. Per insaporire il pesce: schiacciare 150 g. di ceci lessati e spellati, aggiungere 100 g. di spinaci cotti al burro e tritati 5 50 di piselli bolliti. Frullare nel mixer con un cucchiaio di yogurt, olio extravergine, basilico, maggiorana fresca, timo. Servire con pesce bollito, alla griglia o cotto al vapore, come sogliola, coda di rospo, salmone.
  4. Per condire le uova: schiacciare 150 g. di ceci lessati e spellati, aggiungere 150 g. di fave bollite. Frullare nel mixer con un cucchiaio di yogurt, uno di olio extravergine di oliva, un bicchiere di latte di mandorla, peperoncino essiccato, menta e salvia spezzettata. Abbinare con uova sode o al tegamino.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Che buoni i ravioli colorati!

ravioli-2063535_1280.jpg

Da quando ero piccola, ho un debole per la pasta colorata. Merito di mia nonna che preparava con un vecchio modello di macchina per la pasta, i maccheroni al cacao (…una vera delizia!). Preparare in casa i ravioli a più colori non è difficile, ma richiede tempo.

Ecco come fare:

  1. La pasta base: versare 100 g. di farina 00 sul piano di lavoro. Formare un buco al centro e mettere all’interno 3 uova, rompere leggermente con una forchetta e incorporarle gradualmente alla farina. Impastare per 15 minuti, finché non si ottiene un composto liscio ed elastico. Formare un panetto, avvolgerlo nella pellicola e far riposare per 30 minuti.
  2. Per dare colore: in fase di impasto, dopo che le uova sono bene amalgamate alla farina, aggiungere all’impasto spinaci lessati e frullati (verde), oppure purea di 50 g. di fave (verde), salsa di pomodoro (rosso), barbabietole frullate (viola), nero di seppia (nero), cacao amaro in polvere (marrone scuro), una tazza di caffè lungo, oppure uno o 2 cucchiai di farina di castagne (marrone), o anche di ceci (giallo), o di farina di mais (giallo).
  3. Ripieno: in alternativa alla solita carne rossa, a questo punto il ripieno può variare in funzione del colore e degli ingredienti avanzati. Per esempio, se la pasta è colorata con gli spinaci si possono riprendere all’interno mescolandoli con la ricotta, oppure lasciare solo la ricotta. Nel caso del nero di seppia, si può mettere nel ripieno polpa di granchio, pesce o surimi. Il pomodoro si abbina bene a un ripieno di mozzarella e basilico. La barbabietola con il formaggio stagionato o il tofu e il pepe. Quando si usa la farina di legumi, di castagne o di mais, formaggio fresco, carne bianca, o tofu sono ottimi. Se si usa il cacao, vanno bene formaggio fresco, zucca e cannella. Con il caffè, l’ideale è un formaggio morbido (tipo stracchino o ricotta) con una spruzzata di noce moscata.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Uova? No, farina di ceci

pancakes-2372076_1280.jpg

Quando invito qualche ospite che non può mangiare uova cerco sempre alternative possibili. In cucina le uova si usano spesso come ingrediente addensante: permettono di amalgamare gli altri ingredienti tra loro. Ho scoperto che un valido sostituto è la farina di ceci. In casa ne tengo sempre un po’…in caso dimenticassi di comprare le uova.

Si può usare così:

  1. Nella frittata al posto delle uova: basta sostituire 4 uova (nella ricetta per quattro persone) con 200 grammi di farina di ceci, mescolata con poca acqua. Poi scegliere verdure, formaggio o prosciutto a piacere, come per la solita frittata. Con le verdure si ha una ricetta perfetta nel caso di ospiti vegani.
  2. Usi: si può mescolare anche ad altri ingredienti per preparare pane, biscotti dolci o salati, pan cake, crepes, pizze, polpette e pastelle. In questo caso si usano due cucchiai di farina con poca acqua per ogni uovo eliminato.
  3. La classica “farinata”: mescolare 300ml di acqua con 100 di farina di ceci, lasciare riposare 2 o 3 ore e incorporare 1 dl di olio e sale. Versare in una teglia in modo che abbia lo spesso di 1 cm. Cuocere in forno a 250° per 20 minuti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA