Ma che buono il dip

In lingua inglese significa tuffo e si usa in cucina per indicare le salsine in cui si intingono pane, verdure, crocchette, patatine. Ne esistono diversi tipi. Mi piace prepararlo per aperitivi e cene veloci.

Ecco come fare:

  1. Alla greca: mescolare insieme 100 ml di panna acida, 100 g. di yogurt greco, erba cipollina tagliata a pezzetti.
  2. Al pomodoro: mescolare insieme 100 ml di olio extravergine di oliva, 100 g, di yogurt, salsa di pomodoro tiepida, basilico in foglie.
  3. All’avocado: mescolare insieme polpa di avocado, 100 g. di yogurt, 100 ml di panna acida, timo.
  4. Alla senape: mescolare insieme un cucchiaino di senape, 100 g. di yogurt, olio extravergine di oliva, maggiorana.
  5. Ai legumi: mescolare inesieme 100 g. di lenticchie, ceci o fagioli bolliti e passati nel mixer, olio extravergine di oliva, 100 ml di panna acida (se piace), paprika.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Così gli hamburger sono più buoni

 

 

Mi piace preparare gli hamburger a casa, perché sono sicura di quello che metto dentro. Per renderli morbidi e saporiti ho scoperto alcuni trucchi.

Ecco quali:

  1. La carne: può essere di manzo, di maiale o anche mista. Tra i tagli si può scegliere tra fesone di spalla, spuntatura di lombo, collo o pancia, piuttosto grassa. Per il maiale la parte più adatta è il muscolo della spalla. Aggiungere alla carne lo stesso peso di patate lessate e fatte passare nello schiacciapatate.
  2. La macinatura: preferire carni macinate finemente, perché così non c’è il rischio che si sfaldino in cottura.
  3. Attrezzatura: per macinare la carne usare il tritacarne oppure prendere un pezzo di carne tritato dal macellaio. Se si usa il mixer, si rischia di ossidare la carne e di spappolare le fibre.
  4. Insaporire: mescolare alla carne e alle patate, sale, pepe e prezzemolo o altre erbe (timo, maggiorana, origano).
  5. Forma: l’hamburger deve essere compatto, ci sono attrezzi per dargli forma.
  6. Cottura: cuocere sulla piastra o nel forno già caldo a 180° per circa 10 minuti per lato.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Che idea il latte affumicato!

 

 

Una base semplice con cui accompagnare ricette dolci o salate. È il latte affumicato. Si usa nei paesi nordici e in Italia è poco conosciuto. L’ho provato qualche anno fa ad Amsterdam e mi piaciuto tantissimo. E poi è molto versatile.

Ecco come si prepara:

  1. Ingredienti (a persona): 200 g. di latte, 2 bustine di tè Lapsang Souchong, 1 g. di sale e 2 g. di agar agar.
  2. Preparazione: scaldare il latte in un pentolino portandolo quasi a bollore, spostarsi dal fuoco e immergere le bustine di tè, coprire con una pellicola e lasciare in infusione per 4 minuti. Filtrare con un colino, unire il sale e l’agar agar, riportare a bollore e cuocere ancora per 4 minuti, mescolando con una frusta. Trasferire il latte affumicato in un recipiente basso e largo e lasciarlo gelificare in frigorifero fino a completo raffreddamento (se si ha poco tempo, metterlo in una bacinella con acqua e ghiaccio). Quando è solidificato, metterlo nel mixer e frullare per un minuto, così da ottenere una crema molto morbida e non rompere la gelatina. Mettere la crema in un contenitore.
  3. Abbinamenti: si può accompagnare con le uova sode o in camicia nello stesso piatto con insalatina fresca. Oppure usare come letto su cui riporre filetti di pesce, in particolare baccalà, merluzzo, salmone affumicato, aringhe affumicate. Accompagnare con mousse di frutta frullata (frutti di bosco, mela, pera, banana), oppure purea di zucca e insaporire con cannella e chiodi di garofano. O semplicemente frutta fresca.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I Cachi: ricette per gustarli in compagnia

 

 

Morbidi o duri. Di un bellissimo colore arancio. I cachi sono il frutto autunnale che preferisco. Si possono gustare crudi. Ma anche usare per preparare dolci e dessert.

Ecco come fare:

  1. Caco molle: contengono molta acqua. Basta frullare la polpa e unire nel bicchiere del mixer poco succo di limone, miele e vaniglia. Si può usare questa salsa per decorare panna cotta, budino alla vaniglia o al cioccolato, semifreddo o gelato.
  2. Caco mela o Caco vaniglia (tipico dell’area vesuviana) nelle torte: sono i più duri. Si prestano innanzitutto per le torte. Si possono tagliare e usare per decorare le crostate che poi vanno messe in forno, oppure le torte. Basta tagliarli a fettine e disporli sopra l’impasto prima di cuocere nel forno (180°per 50 minuti).
  3. Caco ripieno: basta prendere un caco morbido o duro. Nel primo caso pulirlo e mettere al centro una pallina formata da formaggio molle o patata americana, mandorle tritate o biscotti schiacciati, cocco in scaglie o cacao. Nel secondo prelevare con uno scavino la polpa centrale, mettere al centro gelato del gusto preferito, crema pasticcera o cioccolato fuso. 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Salsicce, hamburger e polpette vegetariane

 

 

Non solo carne. Oggi si possono preparare piatti a base di verdure che assomigliano come forma a ricette in cui la carne trita è sempre stata l’unica protagonista. Mi piace sbizzarrirmi con gli ingredienti più diversi e stupire i miei ospiti vegetariani.

Ecco come fare:

  1. Scegliere un addensante: per amalgamare bene spezie e verdure, che sono gli ingredienti principali di queste ricette, è bene scegliere il prodotto che ci è più comodo. Si può spaziare tra farina di riso, amido di mais, farina di mais, pan grattato di pane bianco prodotto con farina 00 (la massa glutinica, assicura un risultato migliore), farina di legumi (piselli, ceci).
  2. Scegliere le verdure: pomodori secchi, cipolle, legumi bolliti (ceci, piselli, cicerchie, fagioli) e ridotti in purea con il mixer, purea di patata, purea di funghi.
  3. Scegliere le spezie, la frutta secca, i semi: si possono mescolare per dare più sapore frutta secca (pistacchi, nocciole, anacardi), passati nel mixer. Le spezie come pepe nero, origano, menta. Ma anche semi come quelli di zucca e di lino.
  4. Preparazione: mescolare tutti gli ingredienti passati nel mixer con olio extravergine di oliva. Arrotolare l’impasto in una garza sottile da cucina e chiudere con spago. Cuocere poi nel brodo vegetale per una mezz’ora abbondante.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorbetto…di verdura


Non solo frutta. Anche la verdura si può usare per preparare sorbetti. Da servire come verdura per accompagnare un secondo o come antipasto. Una versione estiva e fresca delle mousse, che si adatta a tutte le temperature.

  • Le verdure: a scelta tra pomodori, zucchine, melanzane, piselli, asparagi, sedano, carote, peperoni, spinaci.
  • Ingredienti: un chilo della verdura scelta, 2 albumi, 100 g. di zucchero, succo di mezzo limone, foglie di basilico per i pomodori, menta per le zucchine, maggiorana per le melanzana, timo per i piselli, erba cipollina per gli aspragi, prezzemolo per le carote, origano per i peperoni e fettine di limone per gli spinaci.
  • Preparazione: scottare o bollire le verdure in acqua bollente (a seconda della consistenza). Eliminare eventualmente la pelle e tagliare a pezzi, togliere i semi. Frullare con 50 g. di zucchero. Montare a neve 2 albumi con succo di mezzo limone e 50 g. di zucchero. Incorporare la verdura agli albumi, muovendo la spatola dal basso verso l’alto in modo che non si smonti. Suddividere il composto in vaschette per il ghiaccio. Lasciare nel freezer per qualche ora. Passare nel mixer o nel frullatore pochi cubetti alla volta per ottenere la giusta consistenza.
  • Presentazione: servire in coppe e decorare a piacere con la spezia o l’erba prevista negli ingredienti oppure con una fettina di limone.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Trucchi per preparare il Salmone

Quando vado in Irlanda lo mangio sempre. Ma la presentazione dei tranci di salmone nei Paesi anglosassoni è molto spesso rustica: alla piastra, con verdure bollite, con la pelle e le lische. A casa mi piace pulito, insaporito con spezie o salse e cotto in vari modi.

Ecco come fare:

1. Per la pelle: scorrere la lama di un coltello e la polpa,
2. Per le lische: passare le dita sulla polpa e sfiorare avanti e indietro, Procedere a toglierle con una pinzetta.
3. Per togliere il sapore grasso: unire alla cottura succo di agrumi, limone, arancia, mandarino, lime.
4. Impanato: non impanare troppo presto rispetto al momento della cottura altrimenti diventa molliccio.
5. Tritato: tagliare con un coltello a listarelle e poi a dadini piccoli. Non usare il mixer perché altrimenti le fibre si sfilacciano. Aggiungere a crocchette, hamburger, tartine.
6. In padella: per non farlo attaccare durante la cottura, mettere un foglio di carta da forno sul fondo della pentola.
7. Per accompagnarlo: panna acida, yogurt con erba cipollina, fettine di zenzero o curcuma fresca, semi di papavero.

©RIPRODUZIONE RISERVATA