Granita di verdure

In alternativa a salse e salsine, mi piace, soprattutto quando non fa troppo freddo, accompagnare il pesce con una granita di verdure.

Ecco come fare:

  1. Ingredienti: 200 g. a scelta tra pomodori, sedano, cetriolo, una bustina di tè verde (se si usano sedano o cetriolo), tè alla menta se di usano i pomodori.
  2. Preparazione: fare a pezzetti la verdura scelta, dopo averla lavata accuratamente e sbucciata. Mettere in una ciotola e passare col minipimer. Preparare il tè con 100 ml di acqua bollente. Aggiungere il tè alla verdura in un contenitore con coperchio. Mettere in freezer per almeno due ore. Grattare con la lama di un coltello sopra il pesce bollito (anche crostacei, gamberi e aragosta oppure ostetriche, cozze, vongole), spalmare su tartine di salmone affumicato, oppure servire sopra il sushi.
  3. Decorazione: se si vuole si può completare decorando con foglioline di menta, zenzero fresco, erba cipollina a piacere. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Ostriche: dal mare al piatto

oysters-220955_1280

Ne sono sempre andata matta. Quando ero piccola ho avuto la fortuna di mangiarle nella loro patria d’eccellenza, il nord della Francia. In piccoli ristorantini improvvisati sulla spiaggia dell’Atlantico, a pochi passi dagli allevamenti. Le ostriche sono un piatto molto costoso e aristocratico: delicate, fresche, salate al punto giusto. Quando sono davvero fresche sembra quasi di mangiare il mare.

Ecco come prepararle:

  1. Aprirle: afferrare le ostriche con un tovagliolo o uno strofinaccio per tenere salda la presa. Inserire un coltellino apposito tra le valve del mollusco. Far scorrere la lama nel senso della lunghezza leggermente ruotata e aprire le valve. Togliere eventuali schegge nella valva concava ed eliminare quella piatta. Tagliare il peduncolo che unisce il mollusco alla conchiglia.
  2. Servirle: prendere un piatto di portata grande e distribuire su tutta la superficie ghiaccio tritato: le mantiene fresche e ben dritte. Aggiungere alghe a piacere (vanno bene sia quelle commestibili come la Kombu, che possono essere mangiate insieme alle ostriche oppure anche quelle non commestibili da usare solo come decorazione). Disporre le ostriche aperte. E aggiungere qualche spicchio di limone, da spremere sul mollusco appena prima di mangiarlo.
  3. Accompagnare con vino bianco frizzante: ideale champagne o spumante, ma anche il prosecco non è da sottovalutare.

©RIPRODUZIONE RISERVATA